• Turb-pro
  • Hyd 625
  • HYD1kW
Mulini idroelettrici

IMPIANTI IDROLELETTRICI DAI MULINI
Grazie alla recente disponibilità di generatori elettrici a basso numero di giri oggi è possibile uno sfruttamento idroelettrico dei vecchi mulini a costi contenuti.
La ruota originale può essere ristrutturata o ricostruita a seconda delle condizioni attraverso una progettazione più consona alle caratteristiche idrauliche del sito.

DA VECCHI MULINI A IMPIANTI IDROLELETTRICI
In presenza di piccoli salti con buona quantità d’acqua in passato venivano realizzati dei mulini per piccole attività artigianali.
Oggi è possibile uno sfruttamento energetico dei vecchi mulini con costi contenuti.
La ruota originale può essere ristrutturata o ricostruita a seconda delle condizioni attraverso una progettazione più consona alle caratteristiche idrauliche del sito.
L’albero della ruota verrà accoppiato ad un gruppo generatore speciale ad alto numero di poli per sfruttare al meglio il ridotto numero di giri della ruota idraulica e potrà fornire l’energia prodotta per utilizzi in isola o per l’immissione in rete.

TURBINE PELTON

Ad oggi è la tecnologia più diffusa ideale per sfruttare dislivelli medio grandi oltre i 50 metri.
Le potenze disponibili sono comprese fra 80Watt e 1200 kW.
Di semplice costruzione risultano economiche con buoni rendimenti.
Per le taglie più piccole le pale vengono realizzate in materiale innovativo

NUOVE TURBINE PELTON
Ad oggi è la tecnologia più diffusa ideale per sfruttare dislivelli medio grandi oltre i 50 metri.
Le potenze disponibili sono comprese fra 80watt e 1200 kW.
Di semplice costruzione risultano economiche con buoni rendimenti.Per le taglie più piccole (fino a 50kW) le pale vengono realizzate in materiale termoplastico rinforzato con fibre di vetro con vantaggi economici e per la manutenzione.

TURBINE FRANCIS

Sfrutta sia la velocità che la pressione dell’acqua.
Il campo di impiego varia dai 15 metri ai 100 metri di altezza.
Con la tipica forma a chiocciola raggiunge valori di efficienza molto elevati sfruttando l’effetto sottovuoto.
Le potenze sono comprese fra qualche decina di kW fino a centinaia di kW.

Turbine Kaplan

È la tipica turbina ad elica in grado di sfruttare piccoli salti con grandi portate.
Grazie alla regolazione delle pale della girante è possibile adattarsi alla portata presente ottenendo rendimenti elevati in tutto il campo di regolazione.

Turbine Banki

Si utilizzano quando il dislivello è inferiore ai 30 metri e con portate notevoli.
Le potenze sono comprese fra 1 e 50 kW